Martine Wehrel

A Martine Wehrel, scultrice, piaciono tutti i materiali.

Nel suo studio di Saint-Paul de Vence, lavora la fusione del bronzo a cera persa, il gesso, la terra, la resina e la ceramica.

Artista completa, lavora anche la modellatura della creta a partire da modelli viventi.

Appassionata dal suo lavoro, Martine condivide pure questa sua passione con i suoi allievi.

Dopo aver studiato alla scuola delle Belle Arti e alla scuola del Louvres, Martine Wehrel si sentì irresistibilmente attirata dalla scultura.

Il modellare della crete fu una rivelazione che la convinse a abbracciare una carriera di scultrice : fu l’inizio di una giovane e importante produzione.

Cogliere l'espressione di un volto, la grazia di un corpo, l'eleganza di una posa, la spontaneità, la naturalezza di un gesto, di un movimento dall’osservazione intensa del modello vivente : è questo che Martine Wehrel si sta adoperando per fare fin dai suoi inizi.

Questa precisione nell'osservazione nonché la purezza e la delicatezza delle linee gli permette di trovare un posto di rilievo in questa generazione di scultori.

 

 

Di fronte a questi corpi lisci, ciò che colpisce è questa impressione di armonia, questa sensazione di equilibrio che non esclude una sensualità serena, quasi palpabile.

È senza dubbio l’esito di una grande passione. Si capiscono meglio le parole dell'autore, "emozione, sensibilità, femminilità sono l'approccio essenziale del mio lavoro".

Grazie a quell’universalità dei sentimenti, l'amatore si sente in totale comunione con l'immaginazione dell'artista.

C'è un premio più bello per un’artista?

J. Nominé

Sculture

Scoprire il suo lavora

Scoprire

Incontrate l'artista...

ATELIER MARTINE WEHREL

870 chemin des Espinets
Tel. +33 (0)6 13 58 00 29
martinewehrel.canalblog.com

Ulteriori informazioni
Fermer
I tuoi colpi di fulmine

Nessun elemento presente nel tuo carrello

Scarica i tuoi colpi di fulmine

Il tuo browser è incompatibile con i colpi di fulmine.

Se la modalità navigazione privata è attivata, devi disattivarla.